#andratuttobene stiamo lavorando per aiutare il nostro paese a superare  questo momento producendo porta dispenser per gel disinfettanti e protezioni in plexiglas

Scala a chiocciola

La scala a chiocciola viene spesso preferita quale soluzione per unire due differenti livello di un edificio in poco spazio: inoltre si installa velocemente e facilmente, e vanta un design del tutto innovativo e moderno.

Esistono vari tipologie di scale a chiocciola in commercio, e si differenziano parecchio l’una dall’altra. È importante per questo scegliere con cura e attentamente quale sia la scala a chiocciola più adatta alle tue esigenze.

Scala a chiocciola: è meglio tonda o quadrata?

La prima domanda da porsi, o meglio la prima scelta per procedere con l’acquisto della scala a chiocciola, è valutare la sua configurazione. Quelle oggi più adottate sono principalmente di due tipi: tonde o quadrate con funzionalità e caratteristiche del tutto diverse tra loro.

La differenza principale risiede nella forma del gradino: nelle scale a chiocciola a pianta tonda il gradino sarà inevitabilmente smussato e invece più a punta per la scala a chioccola a pianta quadrata. Le scale a chiocciola a pianta quadrata sono le più comode, essendo anche più larghe, sebbene è da tenere in conto che esteticamente non risultano essere innovative come le classiche scale a chiocciola a base tonda.

 Quale materiale è preferibile per la scala a chiocciola?

La scelta del materiale giusto da adottare per la propria scala a chiocciola è una decisione importante e per questo da ponderare attentamente.

Spesso siamo soliti considerare unicamente la versione classica della scala a chiocciola con i gradini in legno e un elemento centrale in metallo. Al di là di ciò, bisogna sapere che questa non è l’unica variante a disposizione, sebbene dall’effetto assicurato. Tralasciando la colorazione dei singoli elementi che è possibile personalizzare in ogni caso, negli ultimi anni sono state proposte delle nuove soluzioni che hanno ampliato il catalogo degli elementi tra cui scegliere.

È possibile, ad esempio, scegliere il vetro o il metallo al posto del classico legno per i gradini. Due elementi di grande rilevo in grado di cambiare radicalmente l’estetica della nostra nuova scala a chiocciola, donando uno design del tutto diverso dalla versione classica in legno.

Dopo aver effettuato questa importante scelta, è possibile passare alla fase tecnica lavorando sul numero di gradini, il diametro e la ringhiera.